ONLUS E MIGRANTI IN ITALIA

ONLUS E MIGRANTI IN ITALIA

(Open Society Foundations, Associazione Carta di Roma, Cospe Onlus, ASGI, CILD, A Buon Diritto)

Associazione Carta di Roma

L’Associazione Carta di Roma è stata fondata nel dicembre 2011 per dare attuazione al protocollo deontologico per una informazione corretta sui temi dell’immigrazione, siglato dal Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti (CNOG) e dalla Federazione Nazionale della Stampa Italiana (FNSI) nel giugno del 2008. Dal 2012, l’associazione è stata registrata come testata giornalistica.

L’associazione lavora per diventare un punto di riferimento stabile per tutti coloro che lavorano quotidianamente sui temi della Carta, giornalisti e operatori dell’informazione in primis, ma anche enti di categoria e istituzioni, associazioni e attivisti impegnati da tempo sul fronte dei diritti dei richiedenti asilo, dei rifugiati, delle minoranze e dei migranti nel mondo dell’informazione.1

Dal 3 febbraio 2016 il “Glossario” della Carta di Roma è parte integrante del «Testo unico dei doveri del giornalista». La Carta di Roma non esiste più come documento autonomo: i suoi principi sono stati inglobati nel Testo unico.

La Carta di Roma è un protocollo deontologico concernente richiedenti asilo, rifugiati, vittime della tratta e migranti dove si invitano i giornalisti italiani a osservare la massima attenzione nel trattamento delle informazioni concernenti i richiedenti asilo, i rifugiati, le vittime della tratta ed i migranti nel territorio della Repubblica Italiana ed altrove (utilizzo della terminologia adatta, no informazioni imprecise, tutela dei richiedenti asilo e delle loro testimonianze, utilizzo di esperti e organizzazioni specializzate in materia).2

Secondo quanto previsto dalla Carta di Roma, l’Associazione Carta di Roma persegue le sue finalità promuovendo:

  • attività di formazione rivolte agli operatori dei media;

  • attività di ricerca e di monitoraggio dell’informazione;

  • l’organizzazione di momenti di riflessione e seminari di studio sul tema della rappresentazione di richiedenti asilo, rifugiati, vittime della tratta e migranti;

  • l’istituzione di premi speciali volti a favorire una informazione corretta e responsabile sui temi centrali della Carta di Roma;

  • la promozione di iniziative di comunicazione e di eventi pubblici volti a favorire una informazione responsabile e corretta sui temi legati all’immigrazione, al diritto d’asilo e alle minoranze;

  • lo sviluppo della cooperazione tra operatori dell’informazione, istituti universitari, organizzazioni della società civile ed editori al fine di promuovere il rispetto e la garanzia dei diritti dei richiedenti asilo, dei rifugiati, delle minoranze e dei migranti.

Il glossario prescritto dalla Carta Di Roma: i termini della lingua italiana sono stati rivisti e corretti dai redattori della Carta di Roma al fine di garantire il “politicamente corretto” limitando l’uso di quei vocaboli che non si ritengono adeguati quando il soggetto di una notizia è una persona senza cittadinanza che si trova in uno stato estero; termini ammessi:

  • richiedente asilo

  • rifugiato

  • persona protetta da “protezione sussidiaria”

  • beneficiario di protezione umanitaria

  • vittima della tratta

  • migrante irregolare, chi prima veniva comunemente definito “clandestino”

  • “flussi migratori misti”.

Oltre alla suddetta classificazione, la Carta di Roma stabilisce anche l’uso appropriato di altri termini che riguardano gruppi minoritari (musulmani/islamici/islamisti, rom/sinti).

I quattro principi della Carta di Roma:3

Sponsor dell’Associazione Carta di Roma:4

Riflessioni sull’Associazione Carta di Roma

L’Associazione Carta di Roma e il Glossario.

Lo sforzo di fornire un glossario corretto a chi si occupa di comunicazione è un’azione meritevole e encomiabile. Ma, per molti versi, può sembrare una limitazione del diritto di espressione e di stampa di cui ogni individuo dovrebbe godere. Il vocabolario della lingua italiana presenta un numero quasi infinito di sinonimi, che permettono di enfatizzare un’espressione secondo diverse accezioni; la Carta di Roma ne restringe significativamente l’uso. Il termine “clandestino” è stato definitivamente eliminato e l’uso è punito tramite sanzioni pecuniarie e richiami dell’Albo dei Giornalisti5; la definizione della Treccani: “clandestino agg. dal lat. clandestinus (der. dell’avv. clam «di nascosto»), che è fatto di nascosto, e si dice per lo più di cose fatte senza l’approvazione o contro il divieto delle autorità; immigrato c., che entra in un paese illegalmente”. Quindi la somma enciclopedia italiana non connota di nessuno significato denigratoria o offensivo tale termine. Chi si introduce in un paese straniero, senza usare canali convenzionali, privo di visto di entrata e dei relativi documenti, è di fatto un “clandestino”. Solo successivamente alla richiesta delle protezioni internazionali diventa un richiedente asilo e successivamente, se l’individuo presenta i requisiti richiesti, lo stesso diventa un rifugiato.
Forse non sarebbe più appropriato destinare le risorse spese ad analizzare in modo così dettagliato e puntuale la linguistica italiana, a cause di maggior rilevanza per il cittadino comune e per il migrante visto che i fondi sono limitati?

L’Associazione Carta di Roma, l’etnicizzazione delle notizie e la censura.

La Carta di Roma definisce come pleonastico e ridondante, nella maggior parte dei casi, connotare con la relativa nazionalità chi delinque all’interno del territorio italiano.6

L’Associazione Carta di Roma e le fake news.

Il protocollo deontologico che deve utilizzare chi si occupa professionalmente di comunicazione e informazione recita: “Evitare la diffusione di informazioni imprecise, sommarie o distorte riguardo a richiedenti asilo, rifugiati, vittime della tratta e migranti”. La suddetta direttiva deve essere giustamente applicata per evitare una scorretta e non neutrale informazione all’utente finale, che ha il diritto di ricevere una notizia vera e non verosimile.

Questo vale comunque per ogni argomento trattato e non solo per le questioni che riguardano i migranti. Il presidente dell’Associazione, Giovanni Maria Bellu, il 20 aprile scorso, ha scritto un articolo sull’arresto in Turchia del blogger Gabriele Del Grande e sulla libertà del giornalismo dal titolo: “La libertà di Gabriele è la libertà del giornalismo. Siamo tutti prigionieri. #iostocongabriele: il giornalista Gabriele Del Grande è in stato di fermo dal 9 aprile in Turchia, dove lavorava al suo prossimo progetto editoriale. La sua storia è quella di tutti noi”.7 Come verificato grazie all’albo dei giornalisti (professionisti e pubblicisti), il signor Gabriele Del Grande non è giornalista; forse l’incarcerazione in Turchia è derivata proprio da questo motivo come suggerito da diversi giornalisti.

(Giovanni Maria Bellu, è stato direttore del settimanale Left e del quotidiano regionale on line Sardinia-post, condirettore de l'Unità, e direttore ed editore del quotidiano cagliaritano Sardegna 24.)

L’Associazione Carta di Roma e le fonti.

Alcune delle fonti che la Carta di Roma consiglia come attendibili perché considerate “esperte”, a vario titolo, sul tema immigrazione:3

Il coinvolgimento della Open Society Foundations di George Soros nelle attività svolte dall’Associazione Carta di Roma è alquanto “particolare”. Qualsiasi individui dotato di un seppur piccolo senso critico potrebbe obiettare sulle motivazioni che spingono una fondazione americana milionaria a influire sulle fonti di informazione italiane e sulle motivazioni che spingono la stessa a ingenti finanziamenti a beneficio di associazioni che agiscono principalmente in territorio nazionale.

In secondo luogo, alcune delle ONG consigliate agli operatori del settore comunicazione, come Medici senza Frontiere, sono al momento attenzionate da diverse Procure della Repubblica. Sarebbe quantomeno prudente per l’Associazione Carta di Roma, presupponendone comunque l’assoluta innocenza, porsi qualche interrogativo al riguardo e aspettare l’esito dell’inchiesta.

Cospe Onlus

Cospe Onlus nasce nel 1983 come associazione privata, laica e senza scopo di lucro.

Opera in 30 Paesi con circa 150 progetti a fianco di migliaia di donne e di uomini per sostenere un cambiamento che assicuri uno sviluppo equo e sostenibile, il rispetto dei diritti umani, la pace e la giustizia per i popoli.

Lavora per la costruzione di un mondo in cui la diversità sia considerata un valore, un mondo a tante voci, dove nell’incontro ci si arricchisca e dove la giustizia sociale passi innanzitutto attraverso l’accesso di tutti a uguali diritti e opportunità.

Sostiene, in diverse zone del mondo anche in Paesi “non democratici”, i movimenti sociali, le associazioni di base, le organizzazioni di categoria, gli attivisti che condividono le loro sfide di cambiamento e quotidianamente sono in prima linea per la difesa o la conquista dei diritti fondamentali, nella costruzione di un nuovo modello di sviluppo.

Cospe promuove e difende i diritti di migranti, rifugiati, richiedenti asilo e minoranze etniche sia in Italia ed Europa, sia in vari Paesi del mondo sostenendo il diritto alla mobilità internazionale, promuovendo la protezione umanitaria e l’accoglienza, oltre che percorsi concreti di integrazione lavorativa, educativa e sociale, e l’esercizio dei diritti e l’allargamento degli spazi di libertà; rivendicando pari opportunità di accesso a servizi e professioni, alle risorse e alla vita pubblica da parte di migranti e di minoranze discriminate.

Cospe Onlus e le ONG nel Mediterraneo

Cospe Onlus è tra i soci fondatori e i promotori di SOS MEDITERRANEE Italia, ONG che opera nel Mediterraneo collaborando con Medici senza Frontiere, a bordo della nave Aquarius (trattata nell'approfondiment ANALISI ONG NEL MEDITERRANEO). Cospe Onlus, come socio fondatore, ne segue le attività giorno dopo giorno, direttamente collegata con il personale di bordo.8

Campagna Cospe Onlus a favore dei migranti

Partecipazione alla marcia di Milano “insieme contro i muri”: il 20 maggio, Cospe ha partecipato alla manifestazione milanese contro il razzismo con lo striscione #OngAtestaAlta, dichiarando “Manifestiamo con la speranza di chi ritiene che la società plurale sia un'occasione di crescita per tutti e che la logica dei muri che fomentano la paura debba essere sconfitta dalle scelte che pongono al centro la forza dell’integrazione e della convivenza”.

Campagne Cospe Onlus contro il razzismo

CIRDI (Centro di Informazione su Razzismo e Discriminazioni in Italia): è un portale web che nasce dalla volontà di mettere a disposizione di un vasto pubblico i risultati delle attività che COSPE svolge da molti anni nel campo della lotta al razzismo e alle discriminazioni, sia a livello locale sia nazionale. Attraverso il sito web, CIRDI permette alle persone appartenenti ad una minoranza, agli attivisti, agli esperti di settore e a tutti gli interessati di ottenere tutte le informazioni necessarie su norme esistenti per contrastare atti discriminatori basati sull’appartenenza (o presunta tale) a un gruppo identificato per etnia o razza, nazionalità o religione. La raccolta di informazioni e l’attività di documentazione del centro è sia un servizio qualificato a disposizione della società civile e delle vittime delle discriminazioni, sia un servizio rivolto alle istituzioni locali, nazionali e internazionali che formulano politiche e atti di indirizzo. CIRDI è un progetto realizzato con il contributo del Dipartimento per le Pari Opportunità, Presidenza del Consiglio dei Ministri.9

Alcune iniziative promosse da CIRDI:

  • Laboratorio teatrale per richiedenti asilo: a Firenze in scena con Dante;

  • Corso di fotografia per richiedenti asilo: molti modi per conoscersi e comunicare;

  • Integrazione e conoscenza reciproca: migranti ospiti di famiglie italiane;

  • Porte aperte e grande musica per 1300 migranti al Teatro san Carlo di Napoli.

Articoli pubblicati sul sito di CIRDI:

BRICKS - Stop al razzismo online: è il progetto COSPE che si concentra sulla lotta contro il razzismo e la discriminazione sul web in Europa. L’enorme utilizzo dei social network da parte di gruppi sempre più giovani deve essere attentamente preso in considerazione in quanto, come emerso dall’ultimo Rapporto Ombra ENAR, social media e siti di social networking sono diventati uno spazio fertile per la diffusione della xenofobia, dell’islamofobia, e di discorsi antisemiti e razzisti. Il progetto si propone  di combattere la diffusione di conversazioni d’incitamento all’odio contro i migranti e le minoranze (quello che si definisce hate speech) , attraverso l’alfabetizzazione mediatica e il coinvolgimento attivo degli utenti del web e dei produttori di contenuti. Le attività connesse al progetto sono: la partecipazione a meeting europei con i direttori dei social media, dei quotidiani e delle riviste online per scambiare esperienze e conoscenze circa la gestione dei messaggi razzisti, a workshop partecipativi per la definizione di moduli di formazione, eventi pubblici nazionali di sensibilizzazione, a moduli formativi attraverso degli workshop nelle scuole secondarie superiori e nei centri giovanili. L’evento finale europeo è l’InternetFestival a Pisa.10

Campagna Cospe Onlus a favore dell’inclusione

Participation matters - La partecipazione conta: progetto europeo di COSPE per promuovere l’inclusione e la partecipazione dei “cittadini europei mobili” nella vita civica. Il progetto è realizzato col supporto del Programma Rights, Equality and Citizenship (REC) dell’Unione Europea e in collaborazione con INSPIRE - Verein fur Bildung und Management (AT), MPDL - Movimiento por la Paz (SP), ANCI Toscana ed Emilia-Romagna, Associazione Europaeus, Associazione Spirit Românesc, Istituto per la Polonia.11

Il progetto si sostanzia attraverso corsi di formazione politica per apprendere le strategie politiche e di comunicazione per chi, membro di un’associazione, vuole presentarsi alle elezioni locali; il corso è quindi rivolto a:

  • candidati o potenziali candidati alle elezioni locali e a persone che abbiano un interesse alla partecipazione politica all’interno delle istituzioni;

  • attivisti di associazioni, comitati, gruppi, ecc. e in generale persone che partecipano attivamente alla vita civica della comunità in cui vivono.

Gli obiettivi della formazione sono:

  • approfondire i diritti connessi alla cittadinanza europea e il funzionamento degli enti locali;

  • aiutare candidati e attivisti a costruire strategie specifiche e ad utilizzare gli strumenti utili per portare le istanze che rappresentano all’attenzione delle istituzioni e di fronte all’opinione pubblica;

  • portare i candidati a conoscere e lavorare efficacemente con i vari media, digitali e non.

Cospe Onlus adesioni

Cospe Onlus è molto attiva in diverse campagne anche attraverso progetti in collaborazione con altre associazioni. Ha sviluppo un network molto ampio che le permette di operare in diversi ambiti a livello locale, nazionale ed internazionale.12

Cospe Onlus ha voluto ampliare il suo ambito di intervento aderendo a diverse associazioni e onlus; tra queste figurano:

Associazione Carta di Roma, con cui condivide la stessa visione riguardo ad una “corretta” comunicazione ed è citata tra le fonti attendibili a proposito di immigrazione; Cospe, in collaborazione con l’Associazione Carta di Roma, ha organizzato corsi di formazione per giornalisti su immigrazione e discriminazioni razziali.13

Carta di Lampedusa: è un libero movimento di individui nato nel 2014, che si adopera per la resistenza contro le leggi che limitano l’immigrazione, e si batte per l’abolizione di tutte le leggi europee che limitino la libertà di movimento: “La Carta di Lampedusa afferma la necessità dell'immediata abolizione di tutte le operazioni legate alla militarizzazione dei territori e alla gestione dei dispositivi di controllo dei confini, sia militari che civili, incluso l'addestramento militare ai respingimenti e al controllo della mobilità delle persone in territorio internazionale. La Carta di Lampedusa afferma quindi la necessità della completa riconversione delle risorse sino ad oggi investite e stanziate in tal campo per assicurare percorsi di arrivo garantito delle persone che migrano per necessità, nonché per scopi sociali rivolti a tutte e tutti”.14

CILD (Coalizione Italiana libertà e Diritti Civili): è una rete di organizzazioni della società civile che lavora per difendere e promuovere i diritti e le libertà di tutti, unendo attività di advocacy, campagne pubbliche e azione legale. Inoltre, l’associazione supporta le ONG sotto un punto di vista legale e promuove iniziative pro immigrazione. La CILD è finanziata dalla Open Society Foundations e dalla OAK Foundation, con cui Cospe Onlus ha sviluppato il progetto Open Migration (analizzato in seguito).15

Concord Italia: rappresenta, presso la confederazione di Concord, la rinnovata piattaforma nazionale italiana delle organizzazioni non governative per lo sviluppo della solidarietà e della cooperazione internazionale. Concord Italia è formata dalle  principali ONG italiane e dai membri italiani delle principali famiglie e federazioni internazionali. Concord Italia rappresenta le ONG che operano in ambito europeo nel campo della cooperazione allo sviluppo dell’aiuto umanitario, dell’educazione globale, della sensibilizzazione del pubblico, attraverso programmi, progetti e iniziative di lobbying, advocacy e campagne. Rappresenta le posizioni e le richieste della confederazione di Concord presso le istituzioni europee, la Commissione e il Parlamento, e  rappresenta Concord presso le istituzioni italiane: governo, ministeri, parlamento italiano. Oltre a Cospe Onlus, tra i membri di Concord Italia figurano:16

Bilancio di Cospe Onlus

Cospe Onlus non ha ancora pubblicato il bilancio del 2016; per questo motivo i dati riportati sono relativi al 2015.17

Totale fondi raccolti: 9.524.320€ (14% in più rispetto al 2014).

Totale fondi raccolti tramite finanziamenti da Istituti Pubblici (locali, nazionali, esteri, sovranazionali): 7.578.988€.

Totale fondi raccolti tramite finanziamenti da Privati: 1.278.677€.

Rendiconto di Gestione 2015 di Cospe Onlus.

Allocazione Fondi.

Aziende partner di Cospe Onlus.

Riflessioni su Cospe Onlus

Cospe Onlus e la trasparenza.

Cospe non ha ancora pubblicato il bilancio del 2016 e non pubblica la lista delle Fondazioni da cui riceve finanziamenti (11% dei fondi raccolti da privati).

Cospe Onlus e il ruolo di socio fondatore di SOS MEDITERRANEE.

Non è ben chiaro il ruolo economico di Cospe all’interno della ONG SOS MEDITERRANEE, che effettua l’attività di ricerca e soccorso nel Mediterraneo in collaborazione con Medici senza Frontiere. Questo perché, non avendo ancora pubblicato il bilancio e il rendiconto del 2016, mancano i dati per verificare se la ONG beneficia di finanziamenti da Cospe Onlus. Se ciò fosse, verrebbe meno quanto dichiarato da SOS MEDITERRANEE, ovvero l’indipendenza economica da governi e enti pubblici.18

Cospe Onlus, le associazioni partner e i contributi pubblici.

Cospe beneficia di un folto network di associazioni con cui collabora attivamente. Alcune di queste sono sostenute dalla Open Society Foundations. L’intreccio che si configura è quantomeno discutibile.
Cospe usufruisce, inoltre, di ingenti finanziamenti pubblici europei e italiani (80% dei fondi raccolti); Cospe è una Onlus riconosciuta da Unar da cui ha ricevuto sostegno economico.

ASGI (Associazione per gli Studi Giuridici sull’Immigrazione)

Nata dall’intenzione di condividere la normativa nascente in tema d’immigrazione di un gruppo di avvocati, giuristi e studiosi, l’ASGI ha, nel tempo, contribuito con suoi documenti all’elaborazione dei testi normativi statali e comunitari in materia di immigrazione, asilo e cittadinanza, promuovendo nel dibattito politico-parlamentare e nell’operato dei pubblici poteri, la tutela dei diritti nei confronti degli stranieri.

ASGI è tra le associazioni direttamente e “apertamente” fondate, sostenute e finanziate dalla Open Society Foundations di George Soros.19

ASGI è particolarmente attiva nel campo editoriale, nello studio, nell’analisi e nella divulgazione delle norme, della giurisprudenza e della prassi in materia di stranieri, diritto d’asilo e cittadinanza. Dal 1999 al 2016 è attiva con la pubblicazione della rivista “Diritto Immigrazione e Cittadinanza.

Al fine della promozione di azioni anti-discriminatorie, ASGI si è costituita in giudizio con ricorsi civili e penali nell’ambito di alcuni procedimenti di rilevanza nazionale e in diverse cause concernenti il diritto anti-discriminatorio e sta promuovendo una rete italiana di operatori e professionisti capaci di sollevare, presso gli organismi amministrativi e giudiziari, le questioni antidiscriminatorie.

Le attività svolte da ASGI:

  • promozione di una nuova legislazione e migliore attuazione delle norme vigenti;

  • studio;

  • formazione;

  • comunicazione, divulgazione e pubblicazione;

  • servizio antidiscriminazione;

  • azioni legali e di tutela dei diritti fondamentali in materia di:

    • diritto d’asilo;
    • respingimenti, espulsioni e trattenimenti;
    • minori e famiglia;
    • tratta delle persone e sfruttamento lavorativo;
    • cittadinanza, protezione degli apolidi, prevenzione e riduzione dell’apolidia nelle comunità rom in Italia;
    • donne migranti.
  • promozione di iniziative culturali;

  • collegamenti italiani e partecipazione a organi pubblici consultivi;

  • collegamenti internazionali;

  • gruppi di lavoro e potenziamento dell’organizzazione interna e del finanziamento dell’associazione.

ASGI e i progetti sull’immigrazione

C.A.R.D. (Centro Analisi sull’applicazione del Regolamento Dublino).

Con questo progetto, ASGI intende monitorare la condizione dei richiedenti asilo e dei titolari di protezione internazionale rinviati in Italia in applicazione del Regolamento di Dublino nonché rafforzare lo scambio di informazioni a livello europeo tra operatori del diritto, esperti e soggetti a qualsiasi titolo interessati alla corretta applicazione del Regolamento stesso. In molteplici occasioni e da parte di diverse Corti Europee, l’Italia è stata considerata Paese membro non sicuro. La questione è stata, altresì, posta alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo che con la “sentenza Tarakhel” ha sospeso il trasferimento in Italia di un nucleo familiare di richiedenti protezione internazionale (con la sentenza del 4 novembre 2014 la Grande Chambre della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo ha bloccato il trasferimento in Italia di una famiglia, padre, madre e sei figli minori, di richiedenti protezione internazionale afgani, transitati in Italia nel luglio del 2011).

Molto dibattuta al momento e copiosamente presente in diversi articoli sul sito di ASGI, è la situazione ungherese. L’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) ha richiesto una sospensione temporanea di tutti i trasferimenti di richiedenti asilo verso l’Ungheria, ai sensi del Regolamento di Dublino. Nel comunicato del portavoce di UNHCR pubblicato sul sito di ASGI si legge: “Dato il peggioramento della situazione dei richiedenti asilo in Ungheria, chiedo agli Stati di sospendere qualsiasi trasferimento di richiedenti asilo verso il Paese, fino a quando pratiche e politiche delle autorità ungheresi non saranno in linea con il diritto europeo e internazionale”.20

Look Out – Observatory for the protection of victims of trafficking.

Il progetto si propone di creare un “Osservatorio operativo” che consenta di avere un quadro reale ed aggiornato in riferimento alla effettiva tutela che le vittime di tratta e grave sfruttamento ricevono in Italia e dunque di verificare se la stessa ottemperi agli obblighi imposti dalla normativa internazionale e dalla normativa comunitaria sotto il profilo dell’assistenza e protezione delle vittime del trafficking. Questo progetto è stato direttamente finanziato dalla Open Society Foundations.21

No Red Tape.

Il progetto ha l’obiettivo di promuovere un’azione di mediazione sociale finalizzata a garantire maggior tutela del diritto alla salute per i cittadini immigrati, favorendo, attraverso la riorganizzazione del servizio, l’effettività dell’applicazione dell’accordo Stato-Regioni in termini di “indicazioni per la corretta applicazione della normativa per l’assistenza sanitaria alla popolazione straniera da parte delle regioni e province autonome”. Beneficiari finali del progetto sono i cittadini immigrati dei Paesi Terzi, residenti nella Provincia nord di Napoli e nelle isole di Ischia e Procida.22

Per favorire l’informazione rivolta alle donne migranti, sono stati distribuiti dei volantini riguardanti l’interruzione di gravidanza e il permesso di soggiorno per le donne in stato di gravidanza.

Out of Limbo.

Si stima che in Italia vi siano circa 15.000 minori rom apolidi o a rischio di apolidia. Malgrado siano nati in Italia e le loro famiglie vivano nella Penisola spesso da diverse generazioni, questi bambini e adolescenti non solo non risultano cittadini italiani, ma non hanno alcun titolo di soggiorno né alcun documento di identità. Per questo motivo, ASGI, in collaborazione con l’Associazione 21 Luglio e la Fondazione Romanì Italia, e grazie al supporto di Open Society Foundations, ha realizzato tra il 2013 e il 2015 il progetto OUT OF LIMBO, finalizzato a promuovere l’accesso delle persone rom prive di documenti e apolidi ad uno status legale. Protagonisti di tale progetto sono stati gli “operatori paralegali”: questi sono operatori che lavorano con le comunità rom e in alcuni casi appartengono essi stessi a tale minoranza, che, dopo aver ricevuto una formazione legale di base, hanno supportato, con la consulenza e l’assistenza di legali esperti, alcune decine di persone rom prive di documenti nel percorso di regolarizzazione del soggiorno e/o di acquisto della cittadinanza italiana.23

Prin – La lingua come fattore di integrazione sociale e politica.

L’ASGI nell’ambito del progetto di ricerca di interesse nazionale riguardante “La lingua come fattore di integrazione sociale e politica” ed in particolare, nell’ambito dell’unità di ricerca dell’Università degli studi di Milano Bicocca su “La lingua negli atti e nella comunicazione dei poteri pubblici statali, regionali e locali”, ha supportato i partecipanti alla ricerca fornendo norme, giurisprudenza, circolari e dati concernenti le tematiche linguistiche relative ai rapporti tra Pubblica Amministrazione e stranieri. Uno dei prodotti ottenuti grazie al progetto Prin è stato un elaborato sviluppato attraverso questionari che considerano sia la lingua utilizzata nella redazione degli atti in materia di ingresso, soggiorno, trattenimento, allontanamento e di diritto di asilo, sia la presenza di mediatori e/o interpreti.24

Servizio antidiscriminazione.

L’ASGI promuove un servizio di supporto giuridico contro le discriminazioni etnico-razziali e religiose in Italia, articolato in un coordinamento centrale, con sede a Milano, diverse antenne territoriali antidiscriminazione, con sedi a Milano, Torino, Firenze, Roma, Napoli, Verona (altre antenne sono in via di formazione), e una rete di professionisti sul territorio nazionale coinvolti nel contenzioso, nella formazione e nel monitoraggio in materia di discriminazioni. Il servizio antidiscriminazioni dell’ASGI si propone di monitorare le discriminazioni (soprattutto le discriminazioni istituzionali) nei confronti dei migranti, basate sulla nazionalità, l’origine etnica o razziale e la religione. Si prefigge di realizzare strategie di contrasto mediante l’assistenza e la consulenza legale, la promozione di apposite cause giudiziarie, e interventi di advocacy, moral suasion e formazione. Le attività e i servizi di ASGI nel settore del diritto antidiscriminatorio sono finanziati dalla Fondazione italiana a finalità umanitarie Charlemagne Onlus, dalla Tavola Valdese e da Open Society Foundations.25

ASGI e il suo Manifesto

Le motivazioni che spingono le persone a migrare verso l’Europa secondo il Manifesto di ASGI:26

  • conflitti bellici;

  • la grave destabilizzazione sociale in molti Paesi o Stati caratterizzati da regimi dittatoriali o fortemente repressivi;

  • le conseguenze delle politiche coloniali dei Paesi europei dei secoli scorsi;

  • la spoliazione delle risorse naturali del continente africano;

  • la crescita demografica;

  • i fattori climatici e quelli ambientali.

Presupposti del Manifesto:

  • Bisogna aspirare a un modello basato sulla libera circolazione delle persone, che rappresenta la giusta risposta alle istanze democratiche egualitarie su cui si fondano tutte le moderne democrazie del mondo.

  • L’UE deve abbandonare l’attuale politica di chiusura nei confronti delle migrazioni economiche, così come da ultimo sintetizzata nella agenda europea del maggio 2015.

  • L’affermazione di politiche economiche internazionali più eque.

  • L’Italia, nei limiti di autonomia consentiti dal diritto europeo, può e deve rappresentare uno stimolo per l’intera Unione europea.

La riforma della disciplina in materia di immigrazione, di asilo e di cittadinanza proposta da ASGI:

  • In relazione alle migrazioni economiche è indispensabile, da parte dell’UE e ancor prima da parte dello Stato italiano, l’immediata introduzione di:

    • canali di libero ingresso per ricerca di lavoro;

    • possibilità, svincolata dalle previsioni di “flussi governativi”, per i cittadini stranieri residenti all’estero di essere invitati a lavorare in Italia;

    • forme di regolarizzazione permanente;

    • più ampi meccanismi di ricongiungimento familiare;

    • meccanismi che effettivamente privilegino al rimpatrio coercitivo l’uso del rimpatrio volontario o altre misure alternative;

    • parità di trattamento con i cittadini, in tutti i diritti civili e sociali, con l’attribuzione dell’elettorato alle elezioni amministrative ai cittadini stranieri non comunitari alle medesime condizioni dei cittadini dell’UE e un ampliamento dei casi di acquisto della cittadinanza;

    • un’autorità indipendente per la tutela dei diritti umani competente anche a contrastare le discriminazioni;

    • rafforzare la tutela dei minori stranieri non accompagnati e il contrasto alla tratta di esseri umani privilegiando un approccio di tutela e rafforzamento della condizione socio-giuridica delle vittime e non meramente repressivo.

  • In relazione al diritto di asilo, l’UE deve, anzitutto, desistere dalle più recenti politiche di ostilità intraprese nel corso degli ultimi due anni (che, da ultimo, hanno condotto al c.d. Accordo UE-Turchia del 18 marzo 2016) e dalle collaborazione con Paesi dittatoriali e violenti come la Libia, il Sudan, il Niger e altri. L’UE deve in particolare:

    • rafforzare in modo consistente le operazioni di soccorso in tutte le frontiere esterne dell’Unione Europea;

    • prevedere la possibilità di rilascio di un visto di ingresso nei Paesi di origine o di transito;

    • predisporre un ampio piano di reinsediamento, vincolante per tutti i Paesi dell’Unione;

    • modificare il c.d. Regolamento di Dublino aggiornandolo con l’inserimento dell’Asilo Europeo che tenga conto della volontà del richiedente.

  • Inoltre l’ Unione Europea e l’Italia devono:

    • garantire a chiunque giunga in Europa un accesso effettivo e non discriminatorio alla procedura di asilo, abbandonando l’illegittimo approccio hotspot;

    • ampliare le possibilità di ricongiungimento familiare;

    • cancellare qualsiasi accordo teso a dichiarare Paese terzo sicuro o Paese di primo asilo la Turchia o altri Paesi in cui non sono garantiti i diritti fondamentali e il diritto a non essere respinto verso Paesi dove esista pericolo di essere sottoposti a trattamenti disumani.

ASGI e il suo network

ASGI fa parte di un network di associazioni e organizzazioni con cui collabora per attuare i suoi progetti; tra queste figurano:

ENAR (European Network Against Racism): rete di ONG ed associazioni europee che lavorano per combattere il razzismo in tutti i paesi membri della UE.27

FRA (Agenzia europea per i Diritti Fondamentali): è stata fondata nel 2007 come agenzia dell'Unione Europea con l'incarico specifico di fornire consulenza indipendente e basata su prove riguardo ai diritti fondamentali. Il Consiglio della FRA è responsabile della definizione delle priorità dell'agenzia, del suo bilancio e del suo lavoro. È composto da esperti indipendenti, uno nominato da ciascuno Stato membro, due rappresentanti della Commissione europea e un esperto indipendente nominato dal Consiglio d'Europa. I principali compiti della FRA sono: raccogliere e analizzare informazioni e dati; fornire assistenza e competenze; comunicare e sensibilizzare a favore dei diritti.28

Migreurop: è una rete europea e africana di attivisti e ricercatori il cui obiettivo è quello di lottare contro la diffusione dei campi di detenzione, interni ed esterni all’Europa, per i migranti e la proliferazione degli stessi come prassi delle politiche dell’Unione Europea.29 Migreurop partecipa al progetto Boats4People (difesa dei diritti dei migranti nel Mediterraneo) e sostiene Watch The Med, piattaforma di mappatura online per monitorare le morti e le violazioni dei diritti dei migranti alle frontiere marittime dell'UE.30
Watch The Med è stata fondata grazie alla onlus Habeshia dal controverso Padre Mussie Zerai (che si autodefinisce Padre Mosè, per la sua abilità di fare arrivare migranti in Europa). L’organizzazione ha stilato un elenco del “buon migrante” dove la persona interessata ad attraversare il Mediterraneo può trovare utili informazioni. Anche la ONG tedesca Sea-Watch fa parte della piattaforma di Watch The Med (Presentazione ONG e Soccorso nel Mediterraneo).31

Elena (European Legal Network on Asylum): è un forum di professionisti legali che promuovono i più elevati standard di tutela dei diritti umani per il trattamento dei rifugiati, dei richiedenti asilo e di altre persone che necessitano di protezione internazionale attraverso un quotidiano lavoro di consulenza. Gli obiettivi di Elena sono: fornire e rafforzare il contatto tra i professionisti legali in diversi paesi europei per promuovere la cooperazione nei singoli casi e nella pratica; studiare l'attuazione del diritto nazionale, europeo e internazionale in materia di rifugiati; organizzare seminari su argomenti specifici relativi alla legge sui rifugiati e rendere disponibili i risultati agli avvocati; promuovere lo sviluppo di reti nazionali di professionisti legali specializzati in diritto di asilo. Alcuni membri di Elena: Amnesty International (EU Office, Sweden), British Red Cross, British Refugee Council, Bulgarian Red Cross, Caritas (Europa, Germania, Lussemburgo, Svezia), Danish Refugee Council, Estonian Refugee Council, Italian Council for Refugees, Jesuit Refugee Service (Europe, Malta), Oxfam Italia, Red Cross EU, Spanish Red Cross e Swiss Refugee Council. Elena è finanziata sia da enti pubblici sia da fondazioni private; tra le quali ci troviamo:32

In Italia, ASGI collabora con:

Riflessioni su ASGI

ASGI e la trasparenza.

ASGI non ha mai pubblicato bilanci e rendiconti. Perché questa mancanza totale di trasparenza? Nulla sappiamo a proposito dei fondi di cui beneficia, della loro quantità e della loro composizione, ne tantomeno sappiamo come questi siano allocati tra le diverse spese. Non vi è obbligo legale di pubblicazione sul sito internet, ma è quasi un dovere morale per un’associazione senza scopo di lucro. L’unica informazione economica è il sostegno che ASGI ha ottenuto grazie alla Open Society Foundations, grazie al piccolo logo pubblicato nella zona inferiore del sito.

ASGI e il network di associazioni e fondazioni.

ASGI collabora con un vasto assortimento di associazione e fondazioni, italiane ed estere. I termini di tali collaborazioni sono sconosciuti non potendone verificare gli effetti economici nel bilancio. Molte di queste associazioni e fondazioni, come ASGI, hanno rapporti di partnership con la Open Society Foundations, come nel caso di ENAR, Elena e l’Associazione 21 Luglio; ramificazione presente anche per le altre associazioni trattate come Associazione Carta di Roma e Cospe Onlus. ASGI è anche tra le associazioni riconosciute da Unar.

ASGI e l’Ungheria.

Lo scorso 11 aprile, ASGI pubblica un articolo sul sito internet riguardante le dichiarazioni di Filippo Grandi dell’UNHCR: “La situazione dei richiedenti asilo in Ungheria era già motivo di grande preoccupazione per l’UNHCR ed ora, con l’entrata in vigore della nuova legge che prevede la detenzione obbligatoria dei richiedenti asilo (legge emanata a causa dello stato di emergenza), è solo peggiorata. Chiedo agli Stati di sospendere qualsiasi trasferimento di richiedenti asilo verso il Paese, fino a quando pratiche e politiche delle autorità ungheresi non saranno in linea con il diritto europeo e internazionale”. L’UNHCR ha ripetutamente espresso preoccupazione alle autorità e all’Unione Europea per la situazione dei rifugiati e dei richiedenti asilo che arrivano in Ungheria, sottolineando che barriere fisiche e politiche restrittive hanno portato ad un sostanziale diniego dell’accesso al territorio e all’asilo.
Particolare la tempestività tra le dichiarazioni dell’UNHCR e riportate puntualmente da ASGI, e l’approvazione della legge da parte del Parlamento ungherese riguardante la chiusura della Central European University, l'ateneo fondato a Budapest da George Soros (Open Society Foundations). La questione della cessazione dell’attività dell’università magiara è stata seguita anche con particolare attenzione dalla Commissione Europea. Per questo motivo, il presidente Jean-Claude Juncker ha incontrato il “filantropo” alla fine di aprile per discutere sul da farsi.3334

ASGI e la libera circolazione delle persone (Manifesto).

È indispensabile aspirare a un modello basato sulla libera circolazione delle persone, che rappresenta la giusta risposta alle istanze democratiche egualitarie su cui si fondano tutte le moderne democrazie del mondo” dichiara ASGI nel suo Manifesto. La domanda che si pone a questa seppur onorevolissima proposta è quale strategia politica potrebbe reggere ad una politica di accoglienza senza limiti alla luce della grave minaccia terroristica in Europa che ha già mietuta diverse vittime, della non florida economica presente nella maggior parte degli stati europei e della crisi occupazionale che non sarà certamente risolta a breve. Come può fare l’Italia già stretta dalla legge di stabilità europea a far fronte ad un continuo flusso di migranti se non riesce neanche a gestire le emergenze interne come ad esempio il terremoto del 2016?

ASGI e il controllo nelle strutture di polizia (Manifesto).

Forme di controllo indipendente e senza preavviso in tutte le strutture di polizia, di accoglienza o di trattenimento dei richiedenti asilo da parte dei garanti dei diritti dei detenuti e delle persone ristrette nella libertà personale e da parte dei rappresentanti di enti, diversi dall’ente gestore del centro, competenti in materia di immigrazione tra quelli iscritti nel registro degli enti e organizzazioni che operano in favore degli stranieri” dichiara ASGI a pagina 14 del suo Manifesto. Questo si ricollega al report sugli Hotspot di Amnesty International Italia, dove l’ONG documenta, tramite "non verificate" testimonianze di diversi migranti, di violenze e violazione dei diritti umani nei centri detentivi ad opera delle autorità di polizia (Presentazione ONG e Migranti).

ASGI e l’Accordo di Integrazione (Manifesto).

Ogni cittadino straniero con più di 16 anni che entra in Italia per un soggiorno di durata non inferiore a un anno ha l’obbligo di stipulare un Accordo di integrazione che gli impone di acquisire entro due anni un determinato numero di punti (in relazione al raggiungimento di vari obiettivi di integrazione sociale come corsi di studio, regolari contratti abitativi, etc, e in assenza di condanne o sanzioni amministrative diverse da quelle già indicate dalla legge), pena la perdita del titolo di soggiorno e la conseguente espulsione. ASGI reputa tale Accordo costituzionalmente illegittimo. L’associazione afferma che in questo modo si delinea un modello di integrazione nel quale il cittadino straniero è un mero soggetto passivo, assoggettato a un controllo autoritario e pertanto non inclusivo. Ricordiamo che tale Accordo è presente nella maggioranza degli stati occidentali e presuppone dei doveri a cui è tenuto il cittadino straniero a fronte di diritti di cui può godere risiedendo in un determinato Paese.

CILD (Coalizione Italiana per le Libertà e i Diritti Civili)

Nata nel 2014, la Coalizione Italiana per le Libertà e i Diritti civili (CILD) è una rete di organizzazioni della società civile che lavora per difendere e promuovere i diritti e le libertà di tutti, unendo attività di advocacy, campagne pubbliche e azione legale.

CILD vuole costruire una società più aperta e inclusiva. Le linee guida espresse dal suo Manifesto:35

  • Le libertà e i diritti civili sono fra loro intimamente connessi. Sono interdipendenti e indivisibili. Attraverso la loro promozione e protezione si può contribuire alla costruzione di una società più coesa, solidale ed equa;

  • La libertà è autodeterminazione. La libertà è riconoscimento della propria identità. La libertà è inclusione;

  • Libertà e diritti sono l’architrave di una società più rispettosa della dignità umana;

  • La lotta al razzismo e alla xenofobia, il contrasto a ogni forma di discriminazione basata sul sesso o sull’orientamento di genere, del superamento di ogni pregiudizio nei confronti delle popolazioni rom, sinti e camminanti;

  • Un cambio di visione sull’immigrazione, non più da vedersi come questione criminale ma di diritto all’asilo e di dovere dell’accoglienza per i profughi, fino all’allargamento della cittadinanza;

  • La costruzione di un sistema penale e penitenziario meno selettivo e più rispettoso dei diritti, con la legalizzazione delle droghe come scelta etica e di politica criminale.

Libertà e diritti sono l’architrave di una società più rispettosa della dignità umana. Su questa base, che ha profonde fondamenta culturali, politiche e sociali, un grande numero di organizzazioni della società civile italiana ha deciso di dar vita a CILD, la Coalizione italiana per le libertà e i diritti civili.

Aree di lavoro:36

  • Asilo e protezione internazionale (Progetti: Open Migration, The 19 Million Project e Cities for all);

  • Immigrazione (Progetti: Open Migration);

  • Uguaglianza e antidiscriminazione (Diritti LGBT, Diritti di rom, sinti e camminanti);

  • ++Giustizia++ (Politiche sulle droghe);

  • Libertà civili nell’era digitale (Libertà di espressione, Cybersecurity);

  • Sicurezza nazionale (European Forum on Armed Drones, EFAD)

CILD e le associazioni

La CILD è stata fondata da diverse associazioni:

A Buon Diritto: l’associazione dedica grande attenzione ai temi dell’immigrazione, della privazione della libertà, del fine vita e della libertà terapeutica. A Buon Diritto opera per diffondere presso l’opinione pubblica tali questioni e per contribuire a proiettarle sulla sfera politico-parlamentare, al fine di perseguire effetti sul piano dell’attività normativa e su quello degli orientamenti collettivi. Associazione riconosciuta da Unar e finanziata dalla Open Society Foundations.37

ANSI (Associazione Nazionale Stampa Interculturale): è un gruppo di specializzazione all’interno della Federazione Nazionale Stampa Italiana (FNSI), promosso e costituito da giornalisti di origine straniera che lavorano in testate a larga diffusione e multiculturali di varie regioni italiane per rispondere alle esigenze di tutela sindacale, messa in rete e auto‐organizzazione dei giornalisti di origine straniera o aspiranti tali. ANSI è sostenuta da Cospe Onlus e Open Society Foundations.38

Antigone: associazione “per i diritti e le garanzie nel sistema penale”, è nata alla fine degli anni Ottanta nel solco della omonima rivista contro l’emergenza carceri, promossa, tra gli altri, da Massimo Cacciari, Stefano Rodotà, Mauro Palma e Rossana Rossanda. Si occupa di diritti umani, giustizia e carceri. È finanziata dalla Open Society Foundations.39

ARCI:erede di un’antica tradizione mutualistica e di una lunga storia associativa, quella dei movimenti popolari e antifascisti” che hanno contribuito a costruire e consolidare la democrazia italiana fondata sulla Costituzione, l’Arci è una grande associazione popolare: cinquemila circoli, più di un milione di soci. Donne e uomini che hanno liberamente scelto di impegnarsi per promuovere l’emancipazione attraverso l’autorganizzazione e la partecipazione. L’ARCI è riconosciuta e riceve finanziamenti da Unar ed è sostenuta dalla Open Society Foundations.40

ARCIGAY: è un’associazione senza scopo di lucro nata nel 1985, che opera su tutto il territorio nazionale attraverso i suoi comitati locali, i circoli e le associazioni affiliate per la realizzazione dell’uguaglianza tra individui a prescindere dall’orientamento sessuale e dall’identità di genere. È finanziata dalla Open Society Foundations.41

ASGI: trattata precedentemente.

Associazione 21 Luglio: organizzazione non profit impegnata nella promozione dei diritti delle comunità rom e sinti in Italia, principalmente attraverso la tutela dei diritti dell’infanzia e la lotta contro ogni forma di discriminazione e intolleranza. È iscritta al Registro UNAR delle associazioni e degli enti che svolgono attività nel campo della lotta alle discriminazioni ed è finanziata dalla Open Society Foundations.42

Associazione Luca Coscioni:  è un’associazione no profit di promozione sociale e soggetto costituente del Partito Radicale. Luca Coscioni, leader Radicale e docente universitario, malato di sclerosi laterale amiotrofica, è stato il suo fondatore. Lo scopo dell’associazione è promuovere la libertà di cura e di ricerca scientifica, l’assistenza personale autogestita e l’affermazione dei diritti umani, civili e politici delle persone malate e disabili anche nelle scelte di fine vita. È finanziata dalla Open Society Foundations.43

Avvocati per niente: è un’associazione di volontariato costituita nel 2004 per volontà di alcuni avvocati particolarmente sensibili allo svolgimento di una pratica legale attenta ai diritti fondamentali e di enti del privato sociale che “incontrano” situazioni di disagio e promuovono interventi di aiuto a diversi livelli, come l’assistenza legale gratuita, l’individuazione e la promozione di “cause strategiche”, la formazione legale per volontari e operatori e l’attività di sensibilizzazione su problemi di particolare rilevanza sociale.

Certi Diritti: l’associazione radicale Certi Diritti è nata nella sede di Roma del Parlamento Europeo nel marzo 2008, come centro di iniziativa politica non violenta, giuridica e di studio per la promozione e la tutela dei diritti civili, per la responsabilità e la libertà sessuale delle persone. Dal 2012 è uno dei soggetti costituenti del Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito.

CIE Piemonte: il Centro di Iniziativa per l’Europa del Piemonte è un’associazione culturale senza fini di lucro. Fondato nel 1993 dall’allora parlamentare europeo Rinaldo Bontempi, si propone di costruire una cultura concreta e diffusa dell’Europa attraverso l’informazione, il confronto culturale, la formazione e la ricerca.

CIPSI, Solidarietà e Cooperazione: è un coordinamento nazionale nato nel 1985, che associa 28 organizzazioni non governative di sviluppo (ONG) ed associazioni operanti nel settore della solidarietà e della cooperazione internazionale. CIPSI ha la finalità di coordinare e promuovere campagne nazionali di sensibilizzazione, iniziative di solidarietà e progetti basati su un approccio di partenariato.

CIR (Consiglio Italiano per i Rifugiati): è un’organizzazione umanitaria indipendente costituitasi nel 1990 in Italia, su iniziativa delle Nazioni Unite, che lavora per favorire l’accesso alla protezione delle persone che fuggono da guerre e persecuzioni e per contribuire a costruire condizioni di accoglienza e integrazione dignitose, nel pieno rispetto dei diritti umani. Opera a livello nazionale ed europeo nonché in Nord Africa, in maniera coordinata con altre organizzazioni della società civile, attraverso una rete di operatori legali, sociali, mediatori culturali, medici e psicologi. In 25 anni il CIR ha assistito oltre 120mila persone, e ha contribuito a riabilitare circa 4 mila vittime di tortura. È finanziata dalla Open Society Foundations.4445

Cittadinanzattiva: è un movimento di partecipazione civica che nasce nel 1978 e opera per la promozione e la tutela dei diritti dei cittadini e dei consumatori in Italia (con 20 sedi regionali e circa 250 assemblee locali) e in Europa. Dal 2000 è riconosciuto dal Cncu (presso il Ministero dello Sviluppo Economico) come associazione dei consumatori. È finanziata dalla Open Society Foundations.46

Cittadini del Mondo: l’associazione si pone l’obiettivo di contrastare qualsiasi fenomeno di discriminazione ed esclusione sociale, di combattere qualsiasi forma di razzismo, di realizzare la parità di trattamento verso gli immigrati promuovendo la conoscenza e l’incontro tra persone, popoli e culture diverse ,e favorendo concretamente l’inserimento dei cittadini stranieri nel tessuto sociale italiano. Svolge attività di cooperazione allo sviluppo verso popolazioni del terzo mondo. È finanziata dalla Open Society Foundations.47

Cospe Onlus: trattata precedentemente.

Diritto di Sapere: associazione senza scopo di lucro, senza discriminazione di carattere politico, creata nel 2012 grazie al sostegno dell’Open Society Foundations. Il suo scopo è la difesa e l’espansione del diritto umano di accesso all’informazione.48

Diversity è un’associazione di persone che si impegnano per l’abbattimento del pregiudizio e della discriminazione legati al concetto di diversità. Particolare attenzione è posta nei confronti dei temi relativi all’orientamento affettivo e sessuale, all’identità ed all’espressione di genere, e alle diverse forme di famiglia. Le principali attività di Diversity sono la divulgazione e la formazione. L’associazione è il principale organizzatore dei Diversity Media Awards che premiano annualmente i prodotti mediali e le aziende capaci di veicolare in maniera migliore il concetto di diversità come valore.49

Fondazione Leone Moressa: è un istituto di studi e ricerca nato nel 2002 da un’iniziativa della Associazione Artigiani e Piccole Imprese di Mestre CGIA. La Fondazione ha acquisito specifiche qualifiche e competenze legate allo studio del fenomeno migratorio indirizzato in maniera prevalente ai temi dell’economia dell’immigrazione. È finanziata dalla Open Society Foundations.50

Forum Droghe: è un’associazione nazionale di promozione sociale fondata nel 1995. L’associazione si batte per la riforma delle politiche pubbliche sulle droghe a partire da una nuova rappresentazione sociale del fenomeno droga e della figura dei consumatori. L’obiettivo è di limitare l’approccio penale sul tema a favore di un approccio sociale di “normalizzazione” dei consumatori di droghe, al fine di favorirne l’integrazione sociale.51

Gruppo Umana Solidarietà: è una ONG riconosciuta dal Ministero degli Affari Esteri italiano. Nasce come associazione di volontariato nel 1993, nel nome di Guido Puletti, giornalista ucciso in un agguato in Bosnia mentre portava aiuti alle popolazioni martoriate dal conflitto serbo-bosniaco. Il GUS è portatore di laicità, solidarietà e giustizia sociale. I suoi valori sono: aiutare chi soffre, aiutare in prima persona, aiutare tutti, pari dignità dell’aiuto laico, visione e concretezza, umiltà. Si occupa di cooperazione, realizzando progetti di sviluppo e interventi di emergenza in Africa, America Latina e Asia ed anche di Educazione alla Cittadinanza Mondiale (ECM), integrazione, formazione, volontariato.52

Hermes Center for Transparency and Digital Human Rights: è un’associazione no-profit che si occupa di promuovere e sviluppare nella società l’attenzione alla trasparenza e alla responsabilità; si propone inoltre di incrementare la partecipazione attiva dei cittadini alle questioni di pubblico interesse. Sostiene e sviluppa software liberi con lo scopo di aumentare la libertà di espressione in rete e, più in generale tutelare i diritti e le libertà personali in un mondo connesso. “GlobaLeaks” è uno di questi software in cui è possibile divulgare notizie in modo anonimo.53

Lunaria: è un’associazione di promozione sociale, senza fini di lucro, laica, indipendente e autonoma dai partiti nata nel 1992. Svolge attività di ricerca, formazione e comunicazione sui temi dell’economia solidale e del terzo settore, delle migrazioni e della globalizzazione, della democrazia e della partecipazione e promuove iniziative di volontariato internazionale. Sperimenta nuove forme di partecipazione attiva e di trasformazione sociale ispirate ai principi della giustizia e della solidarietà sociale, della partecipazione democratica alla vita della comunità, della garanzia dei diritti civili, sociali e umani in ambito nazionale e internazionale.545556

Magen David Keshet Italia (MDKI): la prima organizzazione indipendente ebraica LGBT italiana, affiliata al World Congress of lgbt Jews (Keshet Ga’avah), il network mondiale che collega le più importanti realtà LGBT ebraiche attive in Nord e Sud America, Europa e Israele. MDKI nasce il 1° luglio del 2015 con il proposito di promuovere all’interno delle Comunità Ebraiche, e non solo, la piena uguaglianza delle persone LGBT in coerenza con il principio ebraico di Tikkun Olam, cioè di riparare il mondo, correggendo per quanto umanamente possibile le ingiustizie. L’organizzazione lavora soprattutto con i giovani, aiutandoli nel processo di emancipazione personale, facendo capire loro che si può essere buoni ebrei anche continuando a vivere con gioia la propria omosessualità, come avviene da oltre 40 anni ormai in Europa, in nord e sud America e in Israele.

Movimento Difesa del Cittadino: associazione di Consumatori che si occupa della difesa dei diritti dei cittadini. È nata a Roma nel 1987, è indipendente da partiti e sindacati e ha l’obiettivo di promuovere la tutela dei consumatori, informandoli e dotandoli di strumenti giuridici di autodifesa, prestando assistenza e tutela tramite esperti.57

NAGA: è un’associazione di volontariato laica e apartitica che si è costituita a Milano nel 1987 allo scopo di promuovere e di tutelare i diritti di tutti i cittadini stranieri, rom e sinti senza discriminazione alcuna. Il Naga riconosce nella salute un diritto inalienabile dell’individuo. È sostenuta dalla Open Society Foundations.585960

PARSEC è una struttura specializzata in ricerca sociale e studio dei comportamenti umani, individuali, di gruppo, organizzativi e collettivi. Il lavoro scientifico di analisi e di indagine ha per oggetto, in particolare: immigrazione e asilo, tratta e prostituzione, tossicodipendenze e consumi giovanili. A livello macro, negli ultimi anni ci si è concentrati anche sull’economia sociale, sullo sviluppo locale sostenibile, sulla social innovation, sul welfare territoriale, e sulla costruzione di modelli di valutazione innovativi. Ogni progettualità è finalizzata alla definizione di nuove policy, alla promozione dei diritti umani e civili, alla costruzione di sistemi innovativi di intervento, all’individuazione di servizi sostenibili ed efficaci. È sostenuta dalla Open Society Foundations.61626364

Progetto diritti: ha tra i propri fini la tutela dei diritti delle fasce sociali meno abbienti e la promozione di azioni per lo sviluppo locale. Opera svolgendo informazione e consulenza in favore dei cittadini immigrati, delle fasce meno abbienti delle periferie, dei cittadini disabili, dei disoccupati e dei lavoratori. E’ impegnata sul tema della normativa del diritto di asilo.65

Rete Lenford-Avvocatura per i diritti LGBTI: è un’associazione di avvocati e praticanti costituita nel 2007 allo scopo di sviluppare e diffondere la cultura e il rispetto dei diritti delle persone LGBTI (lesbiche, gay, bisessuali, transgender e intersessuali). L’Associazione agisce per promuovere lo studio e la conoscenza delle questioni relative all’orientamento sessuale e all’identità di genere tra tutti gli operatori del diritto, sollecitando il rispetto e la promozione delle differenze.66

Società della Ragione: l’associazione ha per scopo la promozione di un movimento di cittadini e cittadine capaci di costruire senso comune e di fare opinione in direzione di una società non autoritaria e solidale. Società della Ragione ha come finalità lo studio, la ricerca e la sensibilizzazione culturale sul tema del diritto penale minimo e mite, della giustizia, dei diritti e delle pene.67

SocietàINformazione: si è costituita a Milano nel 2001 e persegue esclusivamente finalità di solidarietà sociale. Tra i suoi scopi statutari vede quelli del sostegno e dell’intervento sui temi dei diritti umani, dell’ambiente e dei vari settori dell’esclusione sociale. L’Associazione svolge prevalentemente attività di ricerca, studio e promozione culturale e informativa delle tematiche riguardanti la tutela dei diritti umani, sociali e civili, la cultura della convivenza e della salvaguardia ambientale ed ecologista.68

Tefa Colombia: la Fondazione Culturale Tefa Colombia ONLUS lavora nell’ambito della cooperazione internazionale, gemella della fondazione TEFA ONG Colombiana. Lavora a 360° per incentivare lo sviluppo dei processi educativi promuovendo diverse attività di cooperazione e sviluppo nel rispetto dell’ambiente e delle specificità territoriali mirati a migliorare la qualità di vita della comunità di San Juan Nepomuceno Bolivar nel nord della Colombia, attraverso progetti comunitari sostenibili, come l’apicoltura, l’eco-turismo responsabile, la tutela dell’ambiente, l’educazione, la formazione e i programmi speciali dedicati al sociale.69

Volontari in Carcere.

Zabbara.

CILD e OPEN MIGRATION

Open Migration è un progetto creato dalla Coalizione Italiana Libertà e Diritti Civili (CILD). 

Il sito internet di Open Migration riporta: “Open Migration è un progetto ma è anche un percorso nonché un obiettivo. È un progetto di informazione aperto, orizzontale sul tema delle migrazioni. Non è informazione per soli specialisti. Non vuole essere informazione di tipo retorico. Non deve essere informazione fondata su pregiudizi o stereotipi altrimenti non avrebbe la forza per scardinare i pregiudizi e gli stereotipi prevalenti e pericolosi che sono usati dai media e da talune forze politiche quando viene affrontato il tema dell’immigrazione. Open Migration è dunque un progetto che usando competenze, dati, conoscenze vuole contribuire a formare le opinioni e le coscienze sulle migrazioni”. “La migrazione è un progetto ed è anche un percorso. Vogliamo raccontare questo progetto di vita e questo percorso. Vogliamo raccontarlo in modo rispettoso della sua complessità e articolazione. Non è riassumibile in formule generiche e stereotipate. Esistono infinite ragioni e infiniti percorsi di migrazione. Ogni semplificazione è solo l’esito di pregiudizi ideologici di tipo identitario. Open Migration infine è anche un obiettivo. Per una organizzazione come la CILD che si occupa di libertà civili l’obiettivo è quello di allargare l’area dei diritti e delle libertà, senza guardare al passaporto, all’etnia, alla religione”.70

La missione di Open Migration è quella di fornire dati oggettivi e verificabili, smentire “fake new” che circolano sui vari mezzi di informazione e di analizzare il flusso migratorio con un approccio veritiero e scevro da opinioni personali.

Di seguito si riportano alcuni contenuti pubblicati da Open Migration:

1)Tribunali intasati per il boom dei ricorsi dei richiedenti asilo.71

Diversi articoli di quotidiani hanno ribattuto questa notizia, basandosi su dati statistici forniti da vari tribunali e sui dati che hanno portato il Ministro della Giustizia Orlando a pensare ad una riforma che riveda le procedure di appello per le richieste di asilo rigettate. I dati definiti "oggettivi" riportati da Open Migration si riferiscono solo alla nota lentezza della giustizia italiana e al numero definito “esiguo” di appelli per la richiesta di asilo rispetto al numero degli altri processi in corso nelle aule italiane (i ricorsi pendenti in materia di protezione internazionale rappresentavano l’1,34% del totale rispetto al numero dei procedimenti civili pendenti a fine 2016).
Alcuni articoli riguardanti la tematica dei tribunali intasati:7273747576

2)Rassegna stampa dei “migliori” articoli riguardanti rifugiati e immigrazione.77

Gli articoli riportati tra i “buoni” appartengono nella maggior parte dei casi ad una stampa italiana ed estera vicina all’accoglienza “senza limiti”, o pubblicati da ONG e associazioni coinvolte nella tematica dell’immigrazione.

  • Valigia Blu citata da Open Migration nell’articolo “I 10 migliori articoli su rifugiati e immigrazione 20/2017”.78

  • Deutsche Welle citata da Open Migration nell’articolo “I 10 migliori articoli su rifugiati e immigrazione 20/2017”.79

  • *Al Jazeera]] citata da Open Migration nell’articolo “I 10 migliori articoli su rifugiati e immigrazione 19/2017*”.80

  • Human Rights Watch (Presentazione ONG e Migranti) citata da Open Migration nell’articolo “I 10 migliori articoli su rifugiati e immigrazione 18/2017”.81

  • Refugees Deeply citata da Open Migration nell’articolo “I 10 migliori articoli su rifugiati e immigrazione 17/2017”.82

  • Blog di Nando Sigona citato da Open Migration nell’articolo “I 10 migliori articoli su rifugiati e immigrazione 18/2017”.83

  • Redattore Sociale citato da Open Migration nell’articolo “I 10 migliori articoli su rifugiati e immigrazione 15/2017”.84

3)Tutti i numeri sugli stranieri in carcere in Europa (e in Italia).

L’analisi di Patrizio Gonnella di Open Migration, a proposito degli stranieri presenti nelle carceri italiane, manca di alcune adeguate precisazioni; innanzitutto i dati utilizzati per l’osservazione non sono aggiornati risalendo al 2013. Di seguito le stime aggiornate sulla situazione italiana al 30 aprile del 2017 (fonti Ministero della Giustizia e Istat):8586878889

Dopo aver fornito i dovuti aggiornamenti dei dati riportati da Patrizio Gonnella e la relativa comparazione tra il numero dei detenuti stranieri e quello degli italiani, alcune brevi precisazioni riguardo alla situazione italiana:

  • Custodia cautelare e stranieri: Gonnella afferma che: “Nei confronti degli stranieri la giustizia rischia di essere discriminatoria: la carcerazione preventiva si applica con più facilità (rispetto ai cittadini italiani) e dunque diventa una sorta di pena anticipata”. Verissimo ma le motivazioni della custodia cautelare in carcere si fonda sul fatto che molti degli stranieri a cui viene applicata sono immigrati irregolari e spesso senza fissa dimora. Quale altra misura cautelare potrebbe essere utilizzata in questo caso? L’Italia è in linea con gli standard europei e rispetta i termini della legge nazionale che stabilisce la custodia cautelare in carcere quando la probabilità di fuga è elevata.

  • Gli stranieri delinquono mediamente di più rispetto ai cittadini italiani: come si può vedere dai grafici proposti. A conferma ulteriore di ciò troviamo anche l'elaborazione della Fondazione David Hume di Luca Ricolfi, che ha analizzato i tassi di criminalità relativi tra stranieri e nativi nei Paesi Ue, sottolineando come “in media gli stranieri delinquono 4 volte di più. con punte di 12 in Grecia, 7 in Polonia, 6 in Italia, 5 nelle civilissime Svezia, Austria, Olanda”. Il politologo Ricolfi aggiunge che “il problema è probabilmente l'approccio imposto da Bruxelles in risposta alle paure del «popolo» verso il massiccio aumento dei flussi migratori. A tutto ciò, l'Europa civile e illuminata ha saputo opporre soltanto l'imperativo morale dell'accoglienza, il valore superiore dell'inclusione sociale, e talora anche il disprezzo per chi ha paura, accusato di basarsi su mere percezioni, distorte dalla propaganda e dalla credulità, anziché sulla cruda realtà delle cifre statistiche”.90

Riflessioni su CILD

CILD, il Procuratore di Catania Carmelo Zuccaro e l’operazione di polizia tenutasi alla stazione centrale a Milano del 2 maggio scorso91

Dopo l’audizione in Commissione Difesa del Senato, Zuccaro viene criticato aspramente perché CILD non capisce il motivo per cui “continui a indagare senza nessuna prova contro le ONG” criticando anche la sua valutazione “che poco ha a che vedere con il suo ruolo di magistrato e con l’inchiesta che vorrebbe condurre”.
Il Procuratore ha più volte spiegato che le prove non mancano ma che queste siano inammissibili in giudizio perché non rientrano tra quelle presenti nel diritto italiano. In aggiunta, ricordiamo l’iscrizione nel registro degli indagati di alcune persone appartenenti ad una ONG presso la Procura di Trapani, con l’accusa di favoreggiamento all’immigrazione clandestina. Il procuratore Ambrogio Cartosio ha detto che “non risultano contatti telefonici diretti tra persone in Libia e le Ong”, ma ha confermato l’esistenza di persone che conoscono luogo e momento dell’arrivo dei migranti.92
CILD critica duramente anche l’operazione di polizia tenutasi alla stazione centrale di Milano: “Delle 52 persone trasferite in Questura nessuna è stata fermata o arrestata. In 5 casi ci sono stati rilasci aggiuntivi dei permessi di soggiorno per motivi umanitari. Tuttavia quello che resterà sono i selfie di Salvini, le dichiarazioni aberranti dell’Assessore (del PD) alla Sicurezza del Comune e la sensazione dei cittadini che lì ci fosse qualcosa di pericoloso che valesse il dispiego di tutti quegli uomini e mezzi utilizzati”.9394

CILD, “20 maggio senza muri” e “Ero straniero. L’umanità che fa bene”.95

CILD ha partecipato attivamente alla marcia “20 maggio senza muri” che si è tenuta a Milano.

Nella stessa giornata, CILD ha lanciato la petizione “Ero straniero. L’umanità che fa bene” con l’obiettivo di raccogliere almeno 50mila firme a favore di una proposta di legge di iniziativa popolare che cambi la legge Bossi-Fini sull’immigrazione. La campagna è promossa anche da: Radicali Italiani, Fondazione Casa della carità “Angelo Abriani”, ACLI, ARCI, ASGI, Centro Astalli, CNCA A Buon Diritto, con il sostegno di numerosi sindaci e organizzazioni impegnate sul fronte dell’immigrazione, tra cui Caritas Italiana e Fondazione Migrantes.

La campagna “Ero Straniero” mira a raggiungere anche i seguenti obiettivi:96

  • Unificazione nello SPRAR dell’intero sistema di accoglienza al fine di promuovere percorsi di inclusione, autonomia e diritti, mediante iniziative di scolarità, di formazione professionale, di lavoro dignitoso e di coinvolgimento nel volontariato, partendo dall’idea che i migranti possano essere una risorsa;

  • Dopo l’approvazione definitiva delle proposte di legge in materia di minori stranieri non accompagnati va subito adeguata la legislazione relativamente all’acquisizione della cittadinanza, conformandola al mutato contesto sociale nel quale troppi cittadini di fatto non sono riconosciuti tali dall’ordinamento;

  • L’introduzione di nuove modalità d’ingresso nel nostro paese, garantendo ai soggetti più vulnerabili una procedura di esame delle domande di protezione più rapida ma rispettosa delle garanzie giurisdizionali previste dal diritto nazionale e internazionale;

  • Una revisione dei canali ordinari di ingresso per lavoro a fronte di flussi migratori sempre più “misti”, al fine ultimo di abrogare il reato di clandestinità;

  • Il rifiuto degli accordi internazionali stipulati, senza il controllo del Parlamento, con paesi che violano i diritti umani e non rispettano il diritto internazionale a proposito dei diritti delle persone più vulnerabili.

A Buon Diritto

“A Buon Diritto, associazione per le libertà”, nasce nel giugno del 2001 allo scopo di promuovere alcune questioni di grande rilievo pubblico, relative all'esercizio di diritti riconosciuti dal nostro ordinamento ma non adeguatamente tutelati, o il cui riconoscimento viene messo in mora o contrastato o ritardato nei fatti

L’Associazione opera per diffondere presso l’opinione pubblica tali temi e per contribuire a proiettarli sulla sfera politico-parlamentare, al fine di perseguire effetti sul piano dell’attività normativa  e su quello degli orientamenti collettivi. A Buon Diritto dedica grande attenzione ai temi dell’immigrazione, della privazione della libertà, del fine vita e della libertà terapeutica.

Il presidente di "A Buon Diritto" è Luigi Manconi (noto anche come Simone Dessì); è un politico, sociologo e critico musicale italiano. Negli anni ‘70 ha militato in Lotta Continua e ha collaborato come critico musicale in diverse riviste per poi approdare come editorialista in vari quotidiani come Il Messaggero, il Corriere della Sera, La Stampa e La Repubblica. Negli anni ‘90 inizia la carriera politica; nel 1994 viene eletto senatore nelle liste dei Verdi di cui ne diventa anche portavoce. Nel 2003 è stato nominato dal sindaco Walter Veltroni, "garante dei diritti delle persone private della libertà" presso l'amministrazione comunale di Roma. Nel 2005 si iscrive ai Democratici di Sinistra, per i quali è stato responsabile del “dipartimento nazionale Diritti Civili” e membro della direzione nazionale. Manconi è stato Sottosegretario di Stato alla Giustizia, nel secondo governo Prodi, dal 2006 al 2008. Il 24 febbraio 2013 è stato eletto senatore della Repubblica tra le file del Partito Democratico in Sardegna.

I partner di A Buon Diritto:97

A Buon Diritto e le pubblicazioni

Rapporto alternativo sullo stato dei diritti civili e politici in Italia.98

In occasione della sessione dello Human Rights Committee (organismo indipendente dell'Onu che monitora il rispetto della Convenzione Internazionale sui diritti civili e politici) svolta a Ginevra lo scorso marzo, A Buon Diritto ha presentato un rapporto alternativo riguardo allo stato dei diritti civili e politici in Italia, rispetto a quello istituzionale pubblicato dal Human Rights Committee.

Contenuti del rapporto e richieste:

  • Richiesta di pubblicazione, per favorire la consultazione pubblica, dei dati su procedimenti disciplinari e penali relativi a operatori di pubblica sicurezza per presunti reati commessi nell’esercizio delle loro funzioni (denunce, condanne, tipologie di reato e procedimenti disciplinari).

  • Per quanto riguarda il regime carcerario, si chiede di conoscere: le misure adottate per ridurre il sovraffollamento penitenziario; le garanzie di indipendenza riconosciute al Garante nazionale dei diritti delle persone detenute o private della libertà personale; i provvedimenti assunti per rendere il regime penitenziario speciale del 41-bis conforme alle previsioni del Patto Internazionale sui diritti civili e politici.

  • Per quanto riguarda gli ospedali psichiatrici giudiziari, si chiede l’attuale stato delle misure adottate per il loro superamento.

  • Per quanto riguarda l’apolidia, a causa della procedura amministrativa lunga e difficoltosa per ottenere lo status di apolide (di solito chiesto dalla comunità rom), si chiede la velocizzazione del disegno di legge di semplificazione del procedimento.

  • Per quanto riguarda il trattamento degli stranieri, i respingimenti, i CIE e le procedure Hotspot, si chiede:

    • Di conoscere quali misure siano state adottate al fine di eliminare la prassi dei respingimenti collettivi di migranti, anche mediante pattugliamenti in mare;

    • Di conoscere eventuali sospensioni di accordi bilaterali per la carenza di adeguate garanzie dei diritti dei migranti, in particolare sotto il profilo del rispetto del principio di non refoulement;

    • Di relazionarsi sulle misure adottate o da adottare per assicurare il pieno rispetto dei diritti dei migranti nell’ambito dell’approccio Hotspot;

    • Di conoscere i provvedimenti assunti per migliorare le condizioni di vita nei centri di accoglienza per migranti e nei CIE.

  • Per quanto riguarda i migranti con invalidità, si chiedono interventi specifici per tutelare i migranti in stato di particolare vulnerabilità (con invalidità) e le donne vittime di violenza.

  • Per quanto riguarda l’interruzione volontaria di gravidanza, si chiede una verifica del numero in costante aumento dei medici obiettori di coscienza per poter garantire il diritto all’aborto.

Abolire il carcere.99

Scritto da Luigi Manconi, da Stefano Anastasia, ricercatore di Filosofia del diritto, da Valentina Calderone, direttrice di A Buon Diritto e da Federica Resta, avvocato impegnata nel settore, "Abolire il carcere" illustra una serie riforme "ragionate e possibili" per cambiare; fra queste troviamo la differenziazione delle pene, la depenalizzazione per i reati meno gravi, l'abolizione dell'ergastolo, l'applicazione di misure alternative a largo raggio, le sanzioni pecuniarie, l'esclusione dei minori dal carcere e la concessione dei domiciliari alle detenute con figli fino ai 10 anni.
Gli autori affermano: “Abolire il carcere non è una provocazione, come potrebbe sembrare a prima vista, ma una ragionevole proposta per la sicurezza dei cittadini”.

Accogliamoli tutti.100

In questo scritto, Luigi Manconi e Valentina Brinis dimostrano, con argomenti sempre basati sulla “realtà dei dati e dei fatti”, che l’arrivo di donne e uomini stranieri è un’opportunità di salvezza per una società invecchiata e immobile come la nostra, per il suo dissestato sistema produttivo e il suo welfare in crisi. Le politiche dei respingimenti e della repressione, dietro cui si cela spesso un’ostilità intrisa di xenofobia e tentata dal razzismo, sono disastrose perché contrarie alle esigenze profonde dell’economia e della società. Sono politiche costose, che favoriscono l’aumento della criminalità e il lavoro nero.
Gli autori affermano: “Accogliere tutti. È questa l’unica politica efficace in materia di immigrazione. È la soluzione più utile e produttiva per gli immigrati, ma soprattutto per gli italiani”.
La prefazione è curata da Cécile Kyenge.

A Buon Diritto e il Rapporto sullo Stato dei Diritti in Italia

Il progetto è stato sviluppato dall’associazione A Buon Diritto ed è il risultato di un monitoraggio continuativo avviato nell’ottobre del 2014.
Il portale, creato ad hoc, è uno strumento di informazione specifico sulle tematiche dei diritti umani in Italia, che costituisce uno dei principali impegni delle attività dell’associazione; è articolato in 16 sezioni specifiche e da una sezione di news in cui vengono riportati gli eventi più significativi e attuali. È il frutto del lavoro costante di un collettivo composto da 19 ricercatori e da una redazione interna all’associazione che lo arricchisce costantemente di segnalazioni, news, interventi e approfondimenti riguardanti tutti i temi connessi alla tutela dei diritti fondamentali e alla dignità delle persone.
Le sezioni sono: disabilità e persona; omosessualità e diritti; pluralismo religioso; rom, sinti e camminanti; dallo ius migranti all’integrazione; fuggiaschi, profughi e richiedenti asilo; habeas corpus e garanzie; libertà di espressione e informazione; tutela dei minori; istruzione e mobilità sociale; libertà femminile e autodeterminazione; diritto alla salute e alla libertà terapeutica; garanzie del lavoro e garanzie del reddito; protezione dell’ambiente e vita buona; prigionieri; dati sensibili, riservatezza e oblio.101

A Buon Diritto e gli eventi

Presentazione del Rapporto “Navigare a vista”.

Il rapporto "Navigare a vista - Il racconto delle operazioni di ricerca e soccorso di migranti nel Mediterraneo centrale", di Osservatorio di Pavia, Associazione Carta di Roma e Cospe è il risultato di un monitoraggio iniziato nell'autunno del 2016 che analizza il racconto delle SAR con diversi strumenti e angolazioni: il monitoraggio del racconto delle operazioni di ricerca e soccorso, e la sua evoluzione sui media mainstream italiani; il monitoraggio e l'individuazione della strategia comunicativa promossa dagli attori militari e civili presenti nel Mediterraneo; le interviste agli stessi attori; l'esperienza a bordo dei mezzi impiegati.
Nei risultati emergono elementi chiave per una lettura più ampia del caso che è stato al centro del racconto dell'immigrazione dei media italiani nel corso delle ultime settimane e che ha visto le organizzazioni non governative operative nel Mare Nostrum sotto accusa”.102

Dibattito contro il decreto “Minniti-Orlando” su immigrazione e sicurezza urbana: Rinunciare alla libertà per quale sicurezza?103

L'altro sé. Integrazione e accoglienza nell'Italia di domani. Come si governa l'immigrazione in Italia? E a Roma?104

La grande bugia delle navi-taxi. Le Ong e il soccorso in mare.

Interventi di: Luigi Manconi, presidente della Commissione diritti umani; Emma Bonino, già ministro degli Esteri; Monsignore Francesco Soddu, direttore della Caritas Italiana; i parlamentari Silvana Amati, Federico Fornaro, Lucio Romano e Sandra Zampa; i rappresentanti di Medici Senza Frontiere, Proactiva Open Arms e Save the Children, organizzazioni non governative impegnate nelle operazioni di soccorso nel Mediterraneo.105

La Open Society Foundations e le associazioni/organizzazioni che finanzia


Conclusioni

La non pubblicazione del bilancio d’esercizio è prassi comune per le associazioni italiane. Solo Cospe Onlus rispetta il requisito di trasparenza pubblicando il bilancio tra quelle presentate. Un fenomeno meramente italiano a cui il nostro legislatore dovrebbe porre rimedio, per garantire soprattutto i privati donatori che ne finanziano i progetti.

L’intricato network che lega molte delle associazioni che si occupano di migranti e di diritti umani può garantire certamente sinergie importanti, ma potrebbe anche portare l’intero “settore” verso un’unica direzione “di pensiero e azione.

Il filo logico che lega la maggior parte delle associazioni, anche le più piccole, è il legame più o meno diretto con la Open Society Foundations di George Soros. Il filantropo finanzia con ingenti somme l’attività delle stesse o le sostiene nello sviluppo di alcuni progetti.

Lungi da chi scrive la “teoria del complotto”, ma una domanda nasce spontanea: perché uno dei più importanti, facoltosi e controversi uomini del pianeta si è preso così a cuore le “piccole” associazioni italiane? Come mai il signor Soros impiega così tante risorse a favore della nostra nazione? Come mai in Italia il suo ruolo è così cambiato dal 1992 (anno in cui speculò pesantemente sulla lira portandola ad una svalutazione pesantissima che mise in ginocchio l’intera economia nazionale) ad oggi? Un’illuminazione sulla “via di Damasco”?


Fonti:

  1. (https://www.cartadiroma.org/chi-siamo/)

  2. (https://www.cartadiroma.org/wp-content/uploads/2012/12/TESTO-UNICO-DEI-DOVERI-DEL-GIORNALISTA.pdf)

  3. (https://www.cartadiroma.org/wp-content/uploads/2012/12/Linee-guida-per-lapplicazione-della-Carta-di-Roma_edizione-2015.pdf)

  4. (https://www.cartadiroma.org/chi-siamo/)

  5. (https://www.cartadiroma.org/wp-content/uploads/2012/12/Linee-guida-per-lapplicazione-della-Carta-di-Roma_edizione-2015.pdf)

  6. (https://www.cartadiroma.org/wp-content/uploads/2012/12/LineeGuidaCartaRoma.pdf)

  7. (https://www.cartadiroma.org/editoriale/gabriele-del-grande-liberta-di-stampa/)

  8. (http://www.cospe.org/news/sos-mediterranee-ancora-migranti-tratti-in-salvo/)

  9. (http://www.cirdi.org/?cat=12)

  10. (http://www.cospe.org/temi/intercultura/bricks-stop-al-razzismo-online/)

  11. (http://participationmatters.eu/about-the-project/)

  12. (http://www.cospe.org/chi-siamo/le-adesioni/)

  13. (http://www.cospe.org/eventi/un-corso-per-giornalisti-sui-temi-dellimmigrazione/)

  14. (http://www.lacartadilampedusa.org/preamble-ita.html)

  15. (https://cild.eu/chi-siamo/)

  16. (http://www.concorditalia.org/chi-siamo/membri/)

  17. (http://www.cospe.org/chi-siamo/statuto-e-bilancio/)

  18. (http://sosmediterranee.org/?lang=it)

  19. (http://www.asgi.it/chi-siamo/)

  20. (http://www.asgi.it/asilo-e-protezione-internazionale/richiedenti-asilo-unhcr-chiede-la-sospensione-dei-trasferimenti-ungheria/)

  21. (http://www.asgi.it/wp-content/uploads/2014/04/schedaprogettoLookout-1.pdf)

  22. (http://www.asgi.it/no-red-tape-accesso-servizi-sanitari-socio-sanitari-stranieri-diritti/)

  23. (http://www.asgi.it/progetti/out-of-limbo/)

  24. (http://www.asgi.it/prin/)

  25. (http://www.asgi.it/servizio-antidiscriminazione/)

  26. (http://www.asgi.it/documenti-asgi/il-nuovo-manifesto-dellasgi/)

  27. (http://enar-eu.org/IMG/pdf/annualreport2015final-2.pdf)

  28. (http://fra.europa.eu/en)

  29. (http://www.migreurop.org/?lang=fr)

  30. (http://www.migreurop.org/IMG/pdf/rapportactivitemigreurop_2015.pdf)

  31. (http://www.watchthemed.net/index.php/page/index/9)

  32. (https://www.ecre.org/finance/)

  33. (https://www.asgi.it/asilo-e-protezione-internazionale/richiedenti-asilo-unhcr-chiede-la-sospensione-dei-trasferimenti-ungheria/)

  34. (http://www.repubblica.it/economia/finanza/2017/04/27/news/junckerriceveilfinanzieresorosunamossapersalvareluniversita_ungherese-164026063/)

  35. (https://cild.eu/chi-siamo/)

  36. (https://cild.eu/aree-di-lavoro/)

  37. (http://www.abuondiritto.it/it/#)

  38. (http://ansi-intercultura.over-blog.it/)

  39. (http://www.associazioneantigone.it/upload2/uploads/docs/Facciamoilbilancio_2015.pdf)

  40. (http://www.arci.it/index.php/search/?search_paths%5B%5D=&query=open+society+foundation)

  41. (http://www.arcigay.it/cerca/?q=Open%20society%20foundation)

  42. (http://www.21luglio.org/21luglio/wp-content/uploads/2017/01/BILANCIO-2015-completo.pdf)

  43. (http://www.associazionelucacoscioni.it/wp-content/uploads/2016/11/bilancio-2015.pdf)

  44. (http://nonesisto.org/nyima-apolidia-statelessness)

  45. (http://www.cir-onlus.org/it/component/search/?searchword=open%20society&searchphrase=all&Itemid=173)

  46. (http://www.cittadinanzattiva.it/newsletter/20150305-361/files/norme-europee-internazionali-diritto-gratuito-patrocinio.pdf)

  47. (http://www.associazionecittadinidelmondo.it/)

  48. (https://blog.dirittodisapere.it/chi-siamo/)

  49. (http://www.diversitylab.it/about/)

  50. (http://www.fondazioneleonemoressa.org/newsite/wp-content/uploads/2010/09/brochure-FLM-20161.pdf )

  51. (http://www.fuoriluogo.it/sito/)

  52. (http://gusitalia.it/)

  53. (https://www.hermescenter.org/)

  54. (http://www.lunaria.org/2013/05/07/costi-disumani/)

  55. (http://www.lunaria.org/2014/03/21/leuropa-e-i-diritti-di-migranti-detenuti-e-rom-le-associazioni-antigone-lunaria-e-21-luglio-presentano-un-vademecum-per-i-candidati-italiani-alle-prossime-elezioni-europee/)

  56. (http://www.lunaria.org/2013/11/26/presentazione-del-rapporto-i-diritti-non-sono-un-costo-immigrazione-welfare-e-finanza-pubblica/)

  57. (http://www.difesadelcittadino.it/)

  58. (http://www.naga.it/tl_files/naga/comunicati/NAGA%20ONLUS%20BILANCIO%202015%20UFFICIALE.pdf)

  59. (http://www.naga.it/tlfiles/naga/comunicati/INVITI/volantino%20iniziativa%20rom%20e%20gagi%20Zona%206150413.pdf)

  60. (http://www.naga.it/tl_files/naga/comunicati/INVITI/27.5.13%20Guida%20ai%20diritti.pdf)

  61. (http://www.questionedimmagine.org/chi-siamo/collaboratori-partner/)

  62. (http://www.terrelibere.org/agricoltura-basta-sfruttamento-nel-made-in-italy/)

  63. (http://www.osservatoriointerventitratta.it/wp-content/uploads/2015/03/Sfruttamento-lavorativo_Conclusioni-e-Proposte.pdf)

  64. (http://www.ilnostropianeta.it/tag/parsec/)

  65. (http://www.progettodiritti.it/agenda-per-unitalia-plurale-dialogo-per-un-miglioramento-del-quadro-normativo-sullimmigrazione/)

  66. (http://www.retelenford.it/)

  67. (http://www.societadellaragione.it/)

  68. (http://www.dirittiglobali.it/chi-siamo/)

  69. (http://www.tefacolombiaonlus.org/)

  70. (http://openmigration.org/missione/)

  71. (http://openmigration.org/fact-checking/tribunali-intasati-per-il-boom-dei-ricorsi-dei-richiedenti-asilo-falso/)

  72. (http://www.repubblica.it/politica/2016/08/18/news/migrantiprofughiniente_appello-146173782/)

  73. (http://www.ilgiornale.it/news/milano/tribunale-rischia-collasso-i-ricorsi-degli-immigrati-1277636.html)

  74. (http://www.ilmessaggero.it/pay/edicola/migrantiricorsitribunali_asilo-2269442.html)

  75. (http://www.ilmattino.it/primopiano/cronaca/asiloaiprofughitribunalibloccatidairicorsi-2016961.html)

  76. (http://messaggeroveneto.gelocal.it/udine/cronaca/2015/07/19/news/richiesta-di-asilo-negata-il-profugo-ricorre-e-resta-qui-1.11801381)

  77. (http://openmigration.org/web-review/)

  78. (http://www.valigiablu.it/ong-migranti-trafficanti-inchieste/amp/?platform=hootsuite)

  79. (http://www.dw.com/en/libya-must-release-refugees-held-in-detention-centers-says-unhcr-chief/a-38928899)

  80. (http://www.aljazeera.com/news/2017/05/icc-mulls-investigation-libya-abuse-refugees-170509042247829.html)

  81. (https://www.hrw.org/news/2017/05/04/playing-politics-peoples-lives)

  82. (https://www.newsdeeply.com/refugees/articles/2017/04/27/a-humanitarian-corridor-provides-an-alternative-to-bombs-and-boats?platform=hootsuite)

  83. (https://nandosigona.info/2017/04/24/the-1-million-migrants-you-havent-seen/?platform=hootsuite)

  84. (http://www.redattoresociale.it/Notiziario/Articolo/532635/Migranti-i-dati-che-smentiscono-la-bufala-dei-romeni-delinquenti)

  85. (https://openmigration.org/tag/custodia-cautelare/)

  86. (https://www.giustizia.it/giustizia/it/mg1141.page;jsessionid=xncnrC1+QU+aGrqum99fLz+5?contentId=SST1328018&previsiousPage=mg1_14)

  87. (https://www.istat.it/it/archivio/197544)

  88. (http://dati.istat.it/Index.aspx?DataSetCode=DCIS_POPSTRRES1)

  89. (https://www.giustizia.it/giustizia/it/mg1141.page?contentId=SST1328002&previsiousPage=mg1_14)

  90. (http://www.ilgiornale.it/news/politica/ricerca-choc-dagli-stranieri-pi-reati-1276745.html)

  91. (https://cild.eu/blog/2017/05/04/notizie-da-unordinaria-giornata-di-lotta-nome-della-sicurezza/)

  92. (http://www.oltrelalinea.news/2017/05/10/procura-trapani-favoreggiamento-clandestinita-per-alcuni-membri-ong-video/)

  93. (http://milano.corriere.it/notizie/cronaca/17aprile22/rissa-centrale-feriti-due-militari-soldati-accerchiati-100-migranti-33db20ae-271c-11e7-b1fd-6ac3feee71e3.shtml)

  94. (http://milano.repubblica.it/cronaca/2017/05/18/news/migrantimilanostazionecentralemilitarepoliziottoaccoltellamento-165787217/)

  95. (https://cild.eu/blog/2017/05/14/ero-straniero-20maggiosenzamuri/)

  96. (https://cild.eu/blog/2017/04/12/presentata-oggi-roma-la-campagna-ero-straniero-lumanita-che-fa-bene/)

  97. (http://www.abuondiritto.it/it/partner.html)

  98. (http://www.abuondiritto.it/it/materiali/125-rapporto-ccpr-it/file.html)

  99. (http://www.abuondiritto.it/it/pubblicazioni/100-abolire-il-carcere.html)

  100. (http://www.abuondiritto.it/it/pubblicazioni/15-accogliamoli-tutti.html)

  101. (http://www.rapportodiritti.it/)

  102. (http://www.abuondiritto.it/it/eventi/1810-presentazione-del-rapporto-navigare-a-vista.html)

  103. (http://www.abuondiritto.it/it/eventi/1797-contro-il-decreto-minniti-orlando.html)

  104. (http://www.abuondiritto.it/it/eventi/1800-l-altro-s%C3%A9-integrazione-e-accoglienza-nell-italia-di-domani.html)

  105. (http://www.abuondiritto.it/it/eventi/1789-la-grande-bugia-delle-navi-taxi-le-ong-e-il-soccorso-in-mare.html)